Come aiutare praticamente una persona che soffre d' ansia?


Quando parliamo di ansia è fondamentale comprendere che per quanto "scomoda" è una caratteristica umana, non un difetto. La maggior parte di noi diventa ansiosa di tanto in tanto, perché è un'attivazione utile che ci aiuta a vedere potenziali minacce, ci mette in guardia rispetto al rifiuto sociale e ci tiene in allerta per non essere ingannati. Anche se essere incline all'ansia potrebbe sembrare problematico, è utile sapere che è essenziale avere diverse persone in una popolazione (più o meno grande) che si definiscono più caute e che spesso pensano a cosa potrebbe andare storto.


Tuttavia, a volte le persone entrano in schemi per far fronte all'ansia che la fanno letteralmente precipitare come fosse una "palla di neve". Ad esempio pensano troppo (rimuginando sul passato o preoccupandosi del futuro), evitano qualsiasi cosa possa innescare la loro ansia e usano strategie compensative.

Queste strategie sono lievemente funzionali poiché riducono temporaneamente lo stato ansioso, ma a lungo termine non fanno che amplificarne gli effetti. Inoltre, come se non bastasse, questo tipo di strategie di coping possono contribuire anche ad allontanare le persone, creando isolamento sociale.


Qui di seguito alcune delle tecniche che che si trovano all'interno del volume, "The Anxiety Toolkit" di Alice Boyes per iniziare subito un'auto-osservazione mirata ed efficace e mettere le basi per un lavoro su di se.


1. Comprendere le differenze nel modo in cui si manifesta l'ansia

A causa dell'evoluzione, siamo programmati per rispondere alla paura con comportamenti primitivi. Avete mai sentito parlare delle reazioni "fight or fly" (attacco o fuga) o congelamento? In ogni persona generalmente prevale una di queste. Per esempio:

... mia moglie tende a "congelare" e seppellirà la testa nella sabbia piuttosto che affrontare cose che la fanno sentire stressata e in preda al panico.
Tendo più a "combattere", e solitamente divento irritabile, eccessivamente perfezionista o dogmatico se mi sento stressato.

Quando si capisce che l'angoscia è progettata per metterci in una modalità di sensibilità alle minacce, è più facile capire e comprendere qualcuno che si sente spaventato (o stressato) e agisce in modo irritabile o eccessivamente difensivo. Quindi oltre alla compassione e all'empatia nei confronti di chi abbiamo di fronte, possiamo filtrare funzionalmente il suo comportamento. Prestando attenzione a come l'ansia si manifesta nella persona che abbiamo davanti, diventa più semplice identificare i suoi modelli per permettere di entrare in contatto più significativamente.


2. Abbinare il proprio supporto allo stile di attaccamento della persona che soffre d'ansia

È meglio chiedere a qualcuno che tipo di supporto preferisce piuttosto che indovinare o peggio ancora, imporre il nostro! Tuttavia, sappiamo dalla ricerca che le persone che hanno uno stile di attaccamento evitante (tipicamente coloro che hanno sperimentato il rifiuto di caregiving o di relazioni in passato) sono suscettibili nel rispondere meglio a forti dimostrazioni di concreto supporto pratico. Ciò potrebbe includere aiutare la persona ansiosa a interrompere i compiti in fasi gestibili o a parlare attraverso opzioni specifiche su come affrontare una situazione difficile, come rispondere a un'e-mail arrabbiata, ma riconoscendo comunque la propria autonomia e indipendenza mentre lo fa.


È più probabile che altre persone preferiscano il supporto emotivo, specialmente quelli che presentano una modalità di attaccamento sicuro, o che hanno uno stile di attaccamento ambivalente a causa della paura di essere abbandonati o delle loro emozioni che sono travolgenti per gli altri. Persone come questa rispondono bene alle dichiarazioni, sottolineando che fanno parte di una squadra coesa. Per esempio:

"Questo è difficile, ma ci vogliamo bene e riusciremo a superarlo insieme".

Naturalmente queste sono generalizzazioni ed è chiaro che il supporto deve essere personalizzato osservando ciò che funziona nella specifica situazione. Ma quando si ha una relazione molto stretta con qualcuno, si può offrire un supporto basato sulla comprensione intima dei modelli di ansia della persona amata.


3. Trovare modi per utilizzare qualsiasi intuizione rispetto alle manifestazioni d'ansia

Se la persona ha intuito più consapevolmente la sua stessa ansia, sarà possibile aiutarla ad individuare quando si verificano quelli che possono essere definiti modelli, cicli, o situazioni riconoscibili nelle quali progredisce l'ansia. Poiché magari conosciamo bene i nostri schemi ed abbiamo una relazione di fiducia con la persona in questione di fronte a noi, possiamo provare ad sottolineare le reciproche abitudini. Può non essere un'operazione facile, ma, con le dovute misure, sarà possibile riuscire a comunicare in modo funzionale. È comunque sempre una buona idea chiedere prima il permesso di relazionarsi in questo modo. Tenete presente che le persone che hanno intuito la loro ansia spesso si sentono ancora costrette ed in difetto rispetto al "cedere" ai loro pensieri ansiosi. Ad esempio, una persona con ansia per la propria salute personale potrebbe logicamente sapere che andare dal medico ogni settimana per ripetere esami di controllo non sia necessario, ma nonostante questo essere impossibilitata ad aiutare comunque se stessa. Se la persona che conoscete non ha molte informazioni sulla sua ansia o ha problemi a gestire le compulsioni, è meglio incoraggiarla a vedere un terapeuta specializzato nel trattamento dei disturbi d'ansia.


4. Aiutare qualcuno che è ansioso per spezzare il pensiero ricorrente e la ruminazione mentale

Sarete persone di supporto e maggiormente utili se avrete modo di istruirvi un pò sui modelli cognitivi comportamentali dell'ansia. In genere, le persone ansiose hanno una predisposizione naturale a pensare agli scenari peggiori. Per aiutarli a prendere una certa prospettiva relativamente a questo, potete usare una tecnica di terapia cognitiva in cui chiedete queste tre domande:


  1. Qual è la cosa peggiore che potrebbe accadere?

  2. Qual è la cosa migliore che potrebbe accadere?

  3. Cosa è più realistico o probabile?

Fate sempre attenzione a non rassicurare eccessivamente la persona sul fatto che le sue paure non si avvereranno. È più funzionale sottolineare la loro capacità di affrontarle. Per esempio, se si è preoccupati di avere un attacco di panico su un aereo, si potrebbe dire "Sarebbe estremamente spiacevole e spaventoso, ma si potrebbe superare in tanti modi". Se la persona si sente ansiosa rispetto a qualcuno arrabbiato con lei o deluso da lei, è spesso utile ricordare che si può sempre solo scegliere le proprie azioni e non controllare le risposte degli altri.


5. Offrire supporto, ma non prendere il sopravvento

L'evitamento è una caratteristica fondamentale dell'ansia, quindi a volte possiamo sentirci tirati dentro nell'atto di "dare una mano" facendo cose per i nostri cari evitanti e inavvertitamente nutriamo la loro evasione. Ad esempio, se il tuo compagno di stanza trova le telefonate incredibilmente stressanti e finisci per farle tu al posto suo, lui non riuscirà mai a sfuggire alla sua evasione. Un buon principio generale da tenere a mente è che supportare significa aiutare qualcuno ad aiutare se stesso, non fare cose per lui. Ad esempio, potresti offrire di partecipare a una prima sessione di terapia con la persona amata solo se imposta lui o lei l'appuntamento. Oppure, se non è sicuro su come scegliere un terapeuta, potresti trovare dei modi per farlo, ma lasciando sempre l'ultima decisione a lui.


Un'eccezione la troviamo quando l'ansia di qualcuno è accompagnata da una grave depressione. Se non ci si riesce a tirare fuori dal letto, o si è così chiusi che si ha temporaneamente bisogno che le persone facciano tutto il necessario per aiutarli a rimanere in vita. Inoltre, a volte i nostri cari sono così presi da un disturbo d'ansia che sono in pura modalità di sopravvivenza e hanno bisogno di più aiuto pratico per fare le cose. In circostanze meno estreme, tuttavia, è meglio offrire supporto senza prendere in consegna o esagerare con la rassicurazione.


6. Se qualcuno ha un problema di ansia più serio, evitare la stigmatizzazione

Cosa possiamo fare per le persone con problemi più seri? Le persone che soffrono di disturbi di panico, depressione mista ad ansia, stress post-traumatico o pensieri ossessivi (compresa tutta la fascia di pensieri legati ai disturbi alimentari) possono temere letteralmente di impazzire. Aiutarli può diventare qualcosa al di là della propria capacità personale.


Ma si può comunque essere di supporto. Quando qualcuno sta provando un'angoscia significativa, è utile rassicurarlo sul fatto che la propria percezione generale di loro non è cambiata. Sono sempre la stessa persona; stanno solo soffrendo una situazione problematica temporanea che è diventata fuori controllo. Non sono rotti irrimediabilmente e chi sono non è realmente cambiato. Nella misura del possibile, è possibile aiutare la persona a rimanere in contatto con aspetti positivi della propria identità partecipando o incoraggiando i propri interessi e hobby.


A volte, le persone che hanno problemi di ansia cronica non sono interessate a cambiare. Ad esempio, potresti essere amico di qualcuno che ha l'agorafobia o un disturbo alimentare, ma la loro condizione è stabile e a lungo termine. In questi casi, puoi accettare quella persona in modo che non si senta isolata. Essere pratici e consapevoli sui limiti dell'altro senza umiliarlo o insistere sul fatto che dovrebbe perseguire la strada del cambiamento per diventare "normale" è spesso la migliore strategia.


7. Avere cura di se stessi

Riconoscere che il proprio obiettivo è quello di aiutare, non curare la persona o alleviarne l'ansia. Assumersi troppe responsabilità è in realtà un sintomo di ansia, quindi assicurati di non cadere in quella trappola.


Tenere presente che il supporto non ha bisogno di essere direttamente focalizzato sull'ansia. Ad esempio, l'esercizio fisico è estremamente utile per l'ansia; quindi forse potreste semplicemente offrirvi di andare a fare una passeggiata o di frequentare una lezione di yoga insieme. Va anche bene mettere dei limiti al proprio supporto. Una conversazione tesa e carica di stress di 20 minuti mentre si fa una passeggiata è molto più probabile che sia utile (e meno estenuante) di una discussione sulla maratona di due ore.


Aiutare qualcuno che sta facendo i conti con l'ansia non è sempre facile e potreste sentirvi spesso in errore. Ma, se ricordate a voi stessi che state facendo del vostro meglio, potete mantenere le cose in prospettiva. È importante rimanere compassionevoli e, come si suol dire, indossare prima la propria maschera di ossigeno. In questo modo, avrete una mente più lucida per capire cosa sta succedendo e come davvero poter essere d'aiuto.



Riferimenti e ricerche a cura di Alice Boyes.

Per maggiori informazioni sulla bibliografia o sui testi di riferimento potete contattarmi a: dottssa.chiara.cleopatra@gmail.com


30 visualizzazioni0 commenti